Il Teatro della Memoria

Subscribe to Il Teatro della Memoria feed Il Teatro della Memoria
Updated: 1 min 17 sec ago

Selezione per “Altro 1° Fagotto” alla Orchestra of The Age of Enlightenment

15 December 2016 - 11:42am
L‘ensemble cerca uno specialista del repertorio barocco

La Orchestra of The Age of Enlightenment, con base a Londra, ha annunciato che procederà nei prossimi mesi al reclutamento di uno specialista in prassi esecutiva con strumenti storici per coprire il posto di Altro Primo Fagotto, con specializzazione nel repertorio barocco; sarà comunque presa in considerazione la disponibilità a suonare anche in quello classico e romantico. Il bando completo e il modulo di domanda sono disponibili a questo link. Il diapason dell’Orchestra è LA=415 per il repertorio barocco e LA=430 per quello classico.

L’Orchestra, giunta nella stagione 2015/16 alla sua 30a stagione, produce circa 100 concerti all’anno e si attende che i candidati prescelti per le parti principali – cui viene offerto il 100% delle produzioni – partecipino ad una parte rilevante di esse. I candidati, cui sono richieste alta qualificazione ed esperienza specifica, devono inviare un’e-mail con la richiesta di audizione e curriculum vitae a:

Sarah Irving (Projects Officer) sarah.irving@oae.co.uk
Telefono: (+44) 020 7239 9370
Termine per le domande: 24 Febbraio 2017

 


Categories: Dance

Con Nicoletta Cabassi inizia ResidAND 2016/17

14 December 2016 - 10:03am
Al Teatro Ruskaja performance conclusiva della prima di 6 residenze coreografiche con gli studenti dell’Accademia Nazionale di Danza


Riportiamo il comunicato stampa ufficiale diffuso dall’AND:

ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA
 Istituto Superiore di Studi Coreutici

RESID’AND 2016/2017 all’Accademia Nazionale di Danza
Ad inaugurare la coreografa Nicoletta Cabassi

6 residenze artistiche, 6 coreografi, 6 spettacoli, 100 studenti coinvolti

Riparte all’Accademia Nazionale di Danza RESID’AND edizione 2016/2017, un progetto pilota nato con lo scopo di far dialogare l’Accademia Nazionale di Danza, unico Istituto italiano di Alta Formazione Coreutica, con la danza indipendente, selezionando alcune tra le proposte più interessanti del panorama della danza contemporanea nazionale e internazionale. RESID’AND ha quindi come obiettivo quello di creare occasioni performative per gli studenti/danzatori dell’AND, ampliare la formazione artistico-culturale e dare la possibilità di confrontarsi con la scena, la ricerca e la sperimentazione attraverso le proposte dei coreografi ospiti in uno scambio generativo di creatività ed apprendimento.

Tra oltre duecento domande pervenute per la call biennale 2016/2017 e 2017/2018, sei gli artisti per ora selezionati per l’Anno Accademico 2016/2017 da una commissione composta dai professori Teri Weikel, Mario Piazza, Dino Verga. I loro nomi: Nicoletta Cabassi, Erika Maria Silgoner, Enrico Paglialunga, Giacomo Della Marina, Giovanna Velardi, Giovanni Di Cicco. Il progetto prevede che saranno ospitati in residenza presso l’AND in una programmazione articolata durante tutto l’anno accademico, per lavorare con gli studenti dei Trienni di Danza Contemporanea. Entro gennaio 2017 i nomi dei sei coreografi selezionati per l’Anno Accademico 2017/2018.

La prima residenza creativa è in corso, si concluderà il 15 dicembre e vede protagonista NICOLETTA CABASSI che il 16 dicembre, alle ore 19,30, nel Teatro Ruskaja, metterà in scena uno spettacolo a chiusura del lavoro fatto con i ragazzi dell’Accademia. Il titolo della performance è THE BODY’s HOME. Abitare è sapere dove…, coreografia di Nicoletta Cabassi, musiche di autori vari. La performance nasce da una ricerca sulla condizione dell’essere/sentirsi “randagi”, senza appartenenza: Un’indagine e un viaggio nei concetti di smarrimento e sconfinamento come dimora esistenziale. E’ una riflessione interiore sull’essere errante. Gli interpreti appaiono fragili, alla ricerca di uno spazio/tempo in cui stare, hanno un continuo scambio di ruoli, rimandano continuamente l’uno all’altro, cercano affannosamente un appiglio, dialogano, si avvicinano, anche se apparentemente il loro agire è un sordo monologo.

La serata sarà completata da due coreografie firmate da studenti dell’Accademia.

Al termine dello spettacolo la coreografa Nicoletta Cabassi, accompagnata dai danzatori del III Triennio di Danza Contemporanea sez. A, incontrerà il pubblico per la presentazione e la discussione dell’opera rappresentata e del lavoro svolto

Nicoletta Cabassi

Nicoletta Cabassi si forma come danzatrice classica e successivamente si dedica alla Danza Contemporanea e alla Ricerca. Studia in Italia, in Francia e in Austria.
Inizia nel 1992 il suo percorso coreografico che porta avanti parallelamente alla sua attività di danzatrice lavorando con Infidi Lumi, XE di Julie Ann Anzillotti, Skené di Ugo Pitozzi, La Nuova Complesso Camerata, ArtemisDanza di Monica Casadei, Tocna Danza, Vi.d.A., La Fura del baus, l’artista Tino Sehgal, Magyu Marin, e danzando in molti teatri lirici (spesso come solista e talvolta ricoprendo il ruolo di assistente); inoltre fondamentali gli incontri con Jean-Yves Ginoux, William Forsythe e Cesare Ronconi.
Per diversi anni (2004-2008) ha collaborato col C.T.R. Centro Teatrale di Ricerca di Venezia, dove ha curato interamente il settore danza e ha svolto il ruolo di coreografa principale. Recentemente ha collaborato col regista Stefano Poda.
Nella stagione 1991/’92 inizia il proprio percorso di indagine coreografica e teatrale che sfocia nel ’93 con la fondazione della Compagnia Lubbert Das (che però successivamente resta in stand-bye fino al 1997 per svariate ragioni) con cui crea ed interpreta: ‘El Bosco’, ‘Assiduo Furor… les mangeurs des reves’, ‘La Metamorfosi o piccole tragedie quotidiane’, ‘Vite brevi di idioti’, ‘Strettamente personale’, ‘Corpi Provvisori – Part I: the woman’, ‘Liquid days’, ‘Bacchini 8 e mezzo’, ‘Sub Rosa- C.s.O. opera aperta’, ‘XXX presente numerico non identificato’, ‘Non tutto il buio è uguale’, ‘Beech’, ‘Inquieto concerto barocco’, ‘SOL’, e ‘2968 / BE-EACH against stupidity’.
Ha creato le performance “Beech_against intolerance (?)” e “Contro”. Collaborazioni: con Paolo Mangiola ha creato “11” in residenza alla Royal Opera House (London) e presso il Sadler’s Wells; con V. Spallarossa e M. Secco ha creato “Studio sul Minotauro” e con Simona Lisi “Floridia” e il progetto “Hash_Tag”. Ha collaborato col visual artist Martin Romeo creando ed interpretando “Label” ed “Input Body II” e curando la parte coreografica di “The method”.
Su commissione della Compagnie Pour un soir di Brest (Francia) ha ricreato in versione trio la pièce di M. Secco “Sotto il sole”.
Dal 2013 collabora come assistente e dramaturg con la Tanz Company Gervasi a Vienna.

www.accademianazionaledanza.it

Ufficio Stampa
Raffaella Tramontano
mob. +39 3928860966

mail ufficiostampa@accademianazionaledanza.it
         raffaella.tramontano@gmail.com

Roma, 9 dicembre 2016

Teatro Ruskaja – Largo Arrigo VII, 5 – Roma
Venerdì 16 dicembre 2016 – ore 19,30
Ingresso libero


Categories: Dance

Bando per Maestri collaboratori all’Opera di Roma

14 December 2016 - 9:10am
Il Teatro seleziona Maestri collaboratori di Sala, di Palcoscenico e al Ballo

La Fondazione Teatro dell’Opera di Roma ha indetto una selezione per eventuali assunzioni a tempo determinato per esigenze di produzione di spettacoli programmati fino al 31/8/2018, in relazione ai seguenti profili professionali:

  • Maestro collaboratore di sala con obbligo del palcoscenico, delle luci e dei sovratitoli;
  • Maestro collaboratore di palcoscenico con obbligo delle luci;
  • Maestro collaboratore al Ballo con obbligo delle luci e del palcoscenico.

I requisiti di ammissione e i titoli di studio richiesti sono visibili nel bando pubblicato sul sito del Teatro. Le domande di ammissione, redatte sul modulo annesso al bando, vanno presentate via e-mail entro il 31 Dicembre 2016.

Infomail: concorsi.selezioni@operaroma.it
Sito web: www.operaroma.it/bandi-e-concorsi/


Categories: Dance

Al via “Erasmus+KA107 Italia-Mali-Palestina”

13 December 2016 - 9:53am
Un progetto Erasmus di scambi fra Istituzioni artistiche e scientifiche dei tre paesi

Clicca sull’immagine per scaricare l’invito

Riportiamo il comunicato pubblicato sul sito dell’Accademia Nazionale di Danza:

PROGETTO ERASMUS+KA107 ITALIA- MALI-PALESTINA

Il progetto Erasmus+KA107 Italia-Mali-Palestina, finanziato dalla Commissione Europea, vedrà l’Accademia nazionale di danza impegnata in uno scambio biennale (2016-18) con le Istituzioni artistiche e scientifiche più prestigiose dei due Paesi, Il Conservatorio Edward Said di Ramallah, la Facoltà delle Arti della Birzeit University, il Conservatoire des Arts et Metiers Multimedia Balla Fassekè Kouyate di Bamako, oltre a quei centri di produzione e diffusione dell’arte coreutica come il DonkoSeko a Bamako (Mali) il Sareyyet Ramallah e la Palestinian Circus School  a Birzeit.

La mobilità di docenti e studenti delle istituzioni Partner, oltre a fornire l’acquisizione di competenze tecniche e scientifiche nell’ambito della danza e della musica delle diverse culture, consentirà l’impegno nella ricerca di nuovi sistemi creativi e metodologici capaci di creare quei collegamenti che la storia politica ha spesso provveduto a recidere e che solo l’arte è in grado di tessere nuovamente.

La scena del teatro grande all’aperto dell’Accademia, così come il Festival Internazionale di danza contemporanea Sareyyet Ramallah e il Festival Bamako Danse,  saranno i luoghi ideali per la messa in scena e la visibilità dei risultati raggiunti.

Il processo di  disseminazione sarà poi attuato dai Partner ciascuno attraverso le forme più congrue alla sua vocazione specifica. E’ interesse comune raccogliere tutti i dati utili e presupporre una diffusione di essi attraverso pubblicazioni, video , allestimenti, mostre fotografiche.

Alla conferenza stampa prevista per il 16 dicembre alle ore 11,15 nel Teatro Ruskaja interverranno Luisa Morgantini (AssopacePalestina), già vice Presidente del Parlamento Europeo e i rappesentanti delle Istituzioni partner palestinesi: Tareq Abboushi , direttore delConservatorio Edward Said di Ramallah, il Dr. Majdi Al Malki, Professore Associato responsabile della Facoltà delle Arti della Birzeit University, il direttore artistico del Festival Internazionale della danza Contemporanea the Sareyyet Ramallah,

Khaled Elayyan  il rappresentante del Palestinian Circus School di Birzeit, Shadi Zmorrod. Per il Mali interverranno Maumotou Kone, coordinatore del Dipartimento di Danza Contemporanea del Conservatorio des Arts et Metieres Multimedia Balla Fasseke Kouyate e Kettly Noel coreografa e direttrice artistica del centro di Produzione DonkoSeko di Bamako. Parteciperanno i rappresentanti delle autorità Diplomatiche, del MIUR, dell’ufficio Erasmus e del MiBACT.

Completeranno la lista dei presenti alla conferenza stampa i rappresentanti  del settore e delle associazioni impegnate nelle questioni socio-culturali dei relativi Paesi, quali AssopacePalestina, Oforula onlus, Griot.

Enrica Palmieri e Morena Malaguti
referenti Erasmus+ KA107 Italia-Mali-Palestina

È in programma anche una performance a cura di Omar Rajeh – coreografo ospite presso l’AND – con gli studenti del I anno del Triennio tecnico compositivo della Scuola di Coreografia. Chi desidera assistere è pregato di confermare via mail a raffaella.tramontano@gmail.com oppure telefonicamente al n. 392-8860966.

Venerdì 16 Dicembre 2016 – ore 11,15
Teatro Ruskaja – Accademia Nazionale di Danza


Categories: Dance

Musica e arte per il “Roman de la Rose”

12 December 2016 - 2:01pm
All’Istituto Storico Italiano per il Medioevo una performance abbinata alle opere di Giancarlino Benedetti Corcos

Il Piacere e l’Allegrezza conducono la carola (miniatura dal Roman de la Rose)

Prendendo lo spunto dal convegno Eretico ed erotico nel Medioevo tenutosi presso l’Istituto Storico Italiano per il Medioevo (vedi programma a questo link) l’artista Giancarlino Benedetti Corcos presenterà il prossimo 14 Dicembre alcune sue opere ispirate al tema del convegno e in particolare al Roman de la Rose, il poema composto nel XIII secolo da Guillaume de Lorris, completato da Jean de Meung e destinato a diventare il più famoso esempio di letteratura cortese.

Durante l’evento, letture dal poema verranno abbinate a brani musicali del periodo medievale eseguiti da Andrea Toschi (flauti dolci e ocarina); in programma anche Nuovo Ricercare I, una composizione del 1972 di Amico Dolci.

Mercoledì 14 Dicembre 2016 – ore 17,30 (si racccomanda la puntualità)
Istituto Storico Italiano per il Medioevo – piazza dell’Orologio, 4 – Roma

Clicca sull’immagine qui sotto per scaricare la locandina


Categories: Dance

Dialoghi in danza fra le Accademie di Roma e Pechino e l’Università “La Sapienza”

5 December 2016 - 7:50pm
Al Teatro Vascello di Roma Il cielo, la terra, il popolo di Lu Zheng e Churui Jiang

Riportiamo il comunicato stampa di questa interessante manifestazione che va in scena il prossimo Sabato 10 Dicembre. E’ anche annunciata a seguire una “Post-Visione” – I coreografi in conversazione con il Prof. Vito Di Bernardi (Università di Roma “La Sapienza”). Per gli iscritti a questa pagina sono disponibili biglietti ridotti: comunicando il codice promozionale “LOTO” avranno la riduzione del 20% sul prezzo del biglietto direttamente in biglietteria, oppure tramite prenotazione al telefono del Teatro Vascello 06-5898031.

IL CIELO, LA TERRA, IL POPOLO
suggestioni coreografiche di Lu Zheng e Churui Jiang

Dall’idea di far dialogare sul palcoscenico due mondi, tecniche e linguaggi culturalmente differenziati, nasce “Il cielo, la terra, il popolo” di Lu Zheng e Churui Jiang, coreografi ed esperti di danza popolare cinese: uno spettacolo che debutta in prima nazionale a Roma, il 10 dicembre alle ore 21 presso il Teatro Vascello, grazie anche al patrocinio dell’Ambasciata della Repubblica Popolare Cinese – Ufficio Culturale.

Il titolo è un omaggio alla tradizione popolare orientale e richiama un antico detto: «Quando il cielo, la terra e il popolo sono collegati è il momento giusto per sfidare la fortuna». Lu Zheng e Churui Jiang hanno immaginato che queste parole prendessero vita nella danza come fonte di ispirazione, per una felice triangolazione di elementi culturalmente diversi, liberi di esistere in funzione di un linguaggio innovativo e interculturale.

Nutrendosi di una sapienza che è insieme storica, culturale e pratica, i due coreografi hanno così trasposto sul palcoscenico l’immagine di una danza ibrida, che attira la funzionalità evocata dal gesto simbolico di ispirazione quotidiana, tipico della danza popolare tradizionale, verso il disegno astratto e fluido delle forme contemporanee.

Duplice l’intento della loro operazione: da una parte, il desiderio di promuovere la cultura tradizionale cinese in Italia attraverso l’arte della danza; dall’altra, la volontà di portare in scena gli anni di studio alla Beijing Dance Academy – durante i quali i due artisti hanno interiorizzato la danza tradizionale e popolare cinese nelle sue varie espressioni etniche – e quelli all’Accademia Nazionale di Danza di Roma che coincidono con l’approssimarsi alla danza contemporanea di impronta occidentale che ha radicalmente influenzato il loro stile.

Emerge così una danza antica e moderna al tempo stesso, che in modo armonico, proprio come il momentum che tiene saldi insieme cielo, terra e popolo evocati nel proverbiale titolo, scivola dalla danza cinese alle forme occidentali, congiungendo i due linguaggi in una sola autentica e vitale espressione.

10 dicembre 2016 – ore 21 – Teatro Vascello – Roma, via Giacinto Carini, 78

Danzatori: Song Nailong, Zhang Siqi, Xie Jing, Li Shuanghua, Tan Lunyu, Yu Haoping, Federica Cucinotta, Silvia Bologna, Irene Maria Giorgi, Silvia Legato, Arianna Limina
e con Silvia Autorino, Daniele Sonia, Vittoria Guarracino, Mariangela Milano, Michela Tartaglia, Riccardo Venezia

Costumi: LiPing Chen

Foto: Andrea Mercanti; Luciano Onza

Produzione “Studio Arte e Cultura Orientale” con il patrocinio dell’Ambasciata della Repubblica Popolare Cinese – Ufficio Culturale

Ufficio stampa e comunicazione: Renata Savo; rensavo@gmail.com

Info e prenotazioni
Teatro Vascello: T. 06 5881021 promozione@teatrovascello.it

Studio Arte e Cultura Orientale

L’Associazione Studio Arte e Cultura Orientale è nata dall’intuizione di tre giovani coreografi cinesi, Zheng Lu, Jiang Churui e Song Nailong, laureati all’Accademia di Pechino, specializzati in Italia presso l’Accademia Nazionale di Roma con il massimo dei voti, e attualmente PhD students dell’Università “La Sapienza”. L’Associazione ha lo scopo di realizzare e promuovere spettacoli d’arte e progetti di danza, orientali e non, estendendo il suo raggio d’azione anche a corsi inerenti i diversi settori d’arte e cultura, e anche attraverso progetti di scambio culturale internazionali.

Particolarmente importante per l’associazione è la promozione e lo sviluppo delle nuove generazioni di danzatori e coreografi professionisti e, più in generale, della danza Italiana. Zheng Lu ha vinto svariati premi in Cina, partecipato alle coreografie delle cerimonie olimpiche di Pechino, e proposto spettacoli di successo sulla danza Yangge a Roma e a Pescara. Jiang Churui è danzatrice e coreografa vincitrice della competizione internazionale di danza di Singapore. Song Nailong, danzatore di straordinario talento, è vincitore del “Premio Roma Danza” organizzato dall’Accademia Nazionale di Danza di Roma.


Categories: Dance

Le foto di “Piano & Friends 2016”

29 November 2016 - 11:03am
Alla Ambrit Rome International School si è svolto il tradizionale recital a favore dell’Orfanotrofio Khasi-Jaintia (India)

Preceduto da un filmato illustrativo dei progetti già completati e quelli in corso di realizzazione presso il  Khasi-Jaintia Orphanage di Shillong (Megalaya, India) – concreto risultato della collaborazione con Ambrit Rome International School – lo scorso Giovedì 24 Novembre si è svolto il tradizionale apppuntamento benefit Piano & Friends che quest’anno ha visto la partecipazione di docenti e di artisti ospiti quali Paige Short Thompson (pianoforte), Damion Wallace (violino), James Varah (violoncello e baritono), Yvonne Fisher (clarinetto), Umberto Vaio (chitarra), Andrea Toschi (fagotto), Fee Hübner (voce e arpa), tutti vivamente applauditi dal pubblico al termine di ogni numero del programma.

 


Categories: Dance

Festa per i 150 anni del Fondo Musicale G. Greggiati

28 November 2016 - 1:40pm
La preziosa collezione di Ostiglia conserva opere a stampa e manoscritti musicali dal XIV al XIX secolo

Figure dal Metodo per Armonica a Mantice di Giuseppe Greggiati

Durante la sua vita – dedicata prima all’insegnamento e al sacerdozio e successivamente all’amministrazione dei beni ricevuti in eredità –  il religioso Giuseppe Greggiati (Ostiglia 1793 – Mantova 1866) mantenne sempre viva una forte passione per la musica che lo portò a scrivere un Metodo per l’Armonica a mantice (manoscritto del 1842) e a raccogliere una vastissima collezione di musica manoscritta e a stampa che alla sua morte passò per testamento al Comune di Ostiglia. Ricchissima la componente dedicata agli strumenti a fiato all’interno di questa raccolta che costituisce un importante punto di riferimento per musicologi e ricercatori, purtroppo accessibile al pubblico solo pochi giorni alla settimana.

Nel Fondo Greggiati sono conservate partiture autografe di Ferdinando Bertoni, di Luigi Gatti e del fratello Giorgio, composizioni di Giuseppe Ferrari, Vincenzo Benatti, Giovanni Battista Merighi, Francesco Comencini, Antonio Facci, Luigi Pellicari, Johann Simon Mayr e altri manoscritti di compositori non mantovani quali Alessandro Rolla e Ferdinando Carulli. Oltre a questi sono presenti partiture inedite di Paisiello e Rossini nonché musica a stampa di Hoffmeister, Cherubini, Lanner, Legnani, Haydn, Rossini, Pleyel, Paer, Mozart, Donizetti, Bach, Händel, Beethoven.

clicca per la locandina dell’evento

Il prossimo Giovedì 8 Dicembre, in occasione dei 150 anni dalla morte di Greggiati, presso la Biblioteca Musicale che conserva il Fondo  è stata organizzata dalle 15 alle 19 una cerimonia con annullo filatelico ed emissione di due cartoline postali timbrate con bollo speciale. Durante l’evento la flautista Morena Mestieri e il pianista Guido Bottura eseguiranno musiche della prima metà dell’Ottocento da partiture del Fondo Greggiati.

Giovedì 8 Dicembre – ore 15-19
Biblioteca musicale Giuseppe Greggiati
Palazzo Foglia – Piazza Cornelio Nepote, 2 – Ostiglia (MN)


Categories: Dance

Alla Ambrit Rome International School “Piano & Friends 2016”

22 November 2016 - 9:43pm

clicca sull’immagine per scaricare la locandina

Recital di beneficenza a favore dell’Orfanotrofio Khasi-Jaintia (India)

Il prossimo Giovedì 24 Novembre si rinnova l’appuntamento benefit sul palco della Ambrit Rome International School, con la partecipazione di docenti e di artisti ospiti quali Paige Short Thompson (pianoforte), Damion Wallace (violino), James Varah (violoncello e baritono), Yvonne Fisher (clarinetto), Umberto Vaio (chitarra), Andrea Toschi (fagotto), Tiffany Herring (soprano), Fee Hübner (voce e arpa).

Le somme raccolte andranno a favore del Khasi-Jaintia Orphanage di Shillong, Meghalaya, una regione nel Nord-Est dell’India dove vive una delle poche società matriarcali ancora esistenti, i Khasi. Il rapido avanzare della «modernità» con le conseguenti aumentate disuguaglianze economiche rende sempre più difficile la situazione dei bambini orfani di questa comunità, dato che spesso il clan non può provvedere ai figli di una sorella deceduta. Nel 2010 è stata inaugurata la Ambrit House dell’Orfanotrofio, eretta grazie al contributo della comunità della scuola romana.

Offerta suggerita: adulti €10,00, ragazzi €5,00 – Giovedì 24 novembre – ore 18:30
Ambrit Rome International School Theatre – Via F. Tajani 50, 00149 Roma


Categories: Dance

Theresia Youth Baroque Orchestra a Cremona, Milano e Torino

21 November 2016 - 10:50am

In programma musiche di J.Ch. Bach, J.M. Kraus e F.J. Haydn  

Theresia Youth Baroque Orchestra (TYBO), l’ensemble giovanile specializzato nell’esecuzione con strumenti storici, presenta con una breve tournée nell’Italia del Nord un’interessante scelta di musiche della seconda metà del Settecento. Il programma di apre con la Sinfonia in sol minore Op. 6 n. 6 e la Sinfonia concertante in Mi maggiore per flauto, due violini, violoncello e orchestra C44 di Johann Christian Bach. Seguirà l’Ouverture in Do maggiore VB40 «Fiskarena» di Joseph Martin Kraus, contemporaneo di Mozart attivo principalmente alla corte di Gustavo III Re di Svezia. Si conclude con la Sinfonia in Do maggiore n.49 Hob.I:48 «Maria Theresia» di Franz Joseph Haydn, un omaggio all’illuminata imperatrice austriaca cui TYBO deve la sua ispirazione.

L’orchestra sarà diretta al violino da Chiara Bianchini; le parti solistiche saranno eseguite da Laura Lovisa (flauto), Agniezska Papierska e Klaudia Matlak (violini) Maria  Misiarz (violoncello). Credits e programma completo sono disponibili nel comunicato stampa.

Date e luoghi:

  • 23 novembre – Salone di Casa Elisa Maria a Cremona – ingresso libero fino a esaurimento posti
  • 24 novembre – sala Puccini del Conservatorio “G. Verdi” di Milano – ingresso libero fino a esaurimento posti. Per informazioni e prenotazioni: tel. 02-72546333, e-mail tybo@theresia-project.eu
  • 25 novembre – Auditorium Vivaldi della Biblioteca Nazionale Universitaria di Torino. Info: contatti@orchestrapolledro.eu

 


Categories: Dance

Gran Ballo in costume 1860 a Roma

16 November 2016 - 10:05am

Al Church Palace Hotel atmosfere ottocentesche con il M° Paolo Di Segni e l’Orchestra da ballo de “Il Teatro della Memoria”

Presso il Church Palace Hotel, situato nella suggestiva cornice del parco della seicentesca Villa Carpegna, un appuntamento con le danze di sala dell’Ottocento dirette da Paolo Di Segni e accompagnate dal vivo dalla Orchestra da ballo de Il Teatro della Memoria, la formazione diretta da Andrea Toschi attiva nella riproposta del repertorio tipico della Salon Orchestra.

In quest’occasione l’ensemble musicale sarà composto da Michele Cianfoni (violino), Paolo Tagliapietra (pianoforte), Yvonne Fisher (clarinetto), Alessandra Scaringella (flauto) e Andrea Toschi (fagotto).

La serata prevede, nelle pause fra le danze, momenti di degustazione della cena preparata dallo chef dell’Hotel e servita al tavolo. E’ necessaria la prenotazione. Il dress code prevede costume 1860 o cravatta bianca.

The Church Palace Hotel, via Aurelia 481 – Roma
Sabato 26 Novembre 2016 – dalle 19,00 alle 24,00
Info e prenotazioni: 366 3041815 – 339 4668087

L’Hotel dispone di parcheggio. Per individuare il percorso di arrivo guarda la mappa qui sotto:


Categories: Dance

Evento inaugurale per l’Associazione “Amici di Auguste Vestris Italia”

15 November 2016 - 2:59pm
Una giornata dedicata al tema La Scuola di ballo italiana tra gesto e tecnica

Per celebrare l’inizio delle sue attività, l’Associazione “Amici di Auguste Vestris Italia” presieduta da Francesca Falcone ha organizzato per il prossimo Sabato 26 Novembre una giornata in collaborazione con il Centro di Danza Mimma Testa e con il concorso della Société Auguste Vestris (Parigi). Filo conduttore il tema La Scuola di ballo italiana tra gesto e tecnica – Una grande tradizione d’espressione teatrale che sarà trattato attraverso lezioni-spettacolo e dimostrazioni aperte al pubblico.

Il programma prevede alle 10:00 il primo incontro Parlare col gesto – La Commedia dell’arte: alle origini della pantomima del balletto tenuto da Claudio Jankowski, regista teatrale e pedagogo, e Betina Marcolin, ex solista del Teatro Reale di Stoccolma ed esperta della pantomima del ’700. Seguirà alle 15:30 Parlare col movimento – Le specificità della tecnica italiana: una ricostruzione “in vivo” di una lezione di danza, tenuta da Anna Razzi, Étoile del Teatro alla Scala e Presidente onorario della Scuola di Ballo del Teatro di San Carlo di Napoli; al pianoforte: Tania Pallabazzer. Contributo simbolico per la partecipazione a ciascun seminario: euro 10,00.

Sabato 26 novembre 2016 – Centro di Danza Mimma Testa
Via S. Francesco di Sales 14, Roma (zona Trastevere)
Info e prenotazioni: tel. 06 686 9330; cell. 3394686769 – e-mail fra.falcone@alice.it


Categories: Dance

Bando per docente di Liuto a Ginevra

14 November 2016 - 10:43am
La HEM – Genève ha pubblicato il bando di selezione per un posto a tempo parziale

La Haute Ecole de Musique de Genève (HEM) ha pubblicato il bando per selezionare un docente di Liuto (in sostituzione del Prof. Jonathan Rubin). I requisiti per il posto sono:

  • Diploma conseguito presso una istituzione di livello universitario o titolo equivalente;
  • Notorietà a livello internazionale;
  • Esperienza specifica di insegnamento del Liuto;
  • Capacità di integrarsi in progetti collettivi all’interno di una équipe e in un ambiente dinamico;
  • Buona conoscenza del francese (lingua ufficale della HEM);
  • Esercitare e conservare una significativa attività professionale esterna alla Scuola.

Viene inoltre richiesto ai candidati di operare agevolmente con lo strumento così nel repertorio solistico come nella musica da camera e nel continuo.

I compiti previsti per il posto (a tempo parziale fra 35% e 45%) sono:

  • Impartire l’insegnamento della disciplina agli studenti che intendono conseguire un titolo di Bachelor o di Master;
  • Concorrere alle fasi di elaborazione, sviluppo e valutazione dei programmi di studio (contenuti, repertori, obiettivi, metodi, strumenti);
  • Assistere gli studenti nella preparazione dei loro elaborati finali;
  • All’occorrenza, partecipare a progetti di ricerca condotti nel seno dalla HEM.

Il termine per le domande è fissato al 15 gennaio 2017. Informazioni dettagliate sono disponibili nel bando ufficiale.

Info:
pagina web www.hesge.ch/hem
e-mail ana.gandara@hesge.ch


Categories: Dance

AND – Immagini di un pomeriggio in danza

13 November 2016 - 2:18pm
Le foto dell’incontro con Shahar Binyamini, della performance conclusiva della residenza creativa tenuta da Martina La Ragione e di  Train di Simona Migliore e I can not sit sadly by your side di Jiang ChuRui 

Foto di Enza Campana,Claudia Celi, Manuele Giovannelli e Andrea Toschi

Per il comunicato stampa con i credits guarda il precedente post.

 


Categories: Dance

“La Cina al Lido” con gli studenti AND

12 November 2016 - 1:37pm
Domenica 13 Novembre, al Teatro del Lido di Ostia, danze tradizionali cinesi, studi coreografici originali e coreografie di artisti internazionali

Riportiamo qui di seguito il comunicato pubblicato sul sito web dell’AND:

OstiANDanza
In scena “La Cina al Lido”

Domenica 13 novembre al Teatro del Lido di Ostia, alle ore 18, l’Accademia Nazionale di Danza è impegnata con i suoi studenti del Corso di Coreografia al progetto OstiANDanza con “La Cina al Lido” regia di Enrica Palmieri, coreografie di Serge Aimé Coulibaly, Stian Danielsen, Lu Zhen, Churui Jian. Interpreti Yu Haoping, Tan Lun Yu, Xie Jingi, Li Shuangua, Zhang Si Qi, Sun Wei, Giusy Quattrone, Annarita Fadda, Alessandra Venuti, Silvia Legato, Delfina Stella, Silvia Bologna. Musiche di Ali Farka Touré, Aka Moon e autori vari.

In scena danze tradizionali, studi coreografici originali e coreografie di artisti internazionali. Danzatori cinesi perfezionatisi presso la Scuola di Coreografia dell’AND assieme a colleghi italiani, in un dialogo a conferma che l’identità è una costruzione continua che ha bisogno dell’altro per esistere.

L’ingresso è gratuito

Roma, 11 novembre 2016

Raffaella Tramontano
Press Office & Communication
mob +39 392 8860966 / 338 8312413
mail raffaella.tramontano@gmail.com

 

Domenica 13 Novembre 2016 – ore 18,00 – ingresso libero
Teatro del Lido – Via delle Sirene, 22 – Lido di Ostia
Guarda la posizione su Google Maps


Categories: Dance

Immagini da “Il Corpo nel Suono 2016” – 2a puntata

11 November 2016 - 11:01am
Un’altra serie di foto del convegno all’Accademia Nazionale di Danza 

Foto di Andrea Toschi – © Il Teatro della Memoria

Dal 28 Ottobre al 1 Novembre 2016 si è svolta a Roma la seconda edizione del convegno internazionale “Il Corpo nel Suono” – realizzato dall’Accademia Nazionale di Danza e curato da Cristiano Grifone – focalizzato sul ruolo del musicista nella danza. Nelle varie giornate i convegnisti giunti da tutto il mondo hanno partecipato a laboratori, lezioni, tavole rotonde e performance con: Marco Ariano (Italia), Erin Brannigan (Australia), Luis M. Carmona Barrio (Spagna), Massimo Carrano (Italia), Laurent Choukroun (Francia), Vinico Colella (Italia), Paolo Demitry (Italia), Federico Di Maio (Italia), Philip Feeney (Gran Bretagna), Alain Franco (Belgio), Kim Helweg (Danimarca), Suzanne Knosp (USA), Karen McIver (Gran Bretagna), Marco Melia (Italia) Ivan Mijačević (Slovenia), Mounir Saeed (Egitto), Antonio Sorgi (Italia), Keith Terry (USA). Hanno collaborato alla realizzazione del progetto: Stefania Brugnolini, Cristina Caponera, Valeria Diana, Silvia Obino, Tania Pallabazzer, Stefano Pirandello, Dino Verga; gli allievi di SSML “San Domenico”, SSML “Gregorio VII”, Accademia di Cinema e Televisione “Griffith”. 

Il comunicato stampa ufficiale è disponibile a questo link. La prima serie di foto è visibile sul post precedente.


Categories: Dance

Doppio appuntamento all’Accademia Nazionale di Danza

10 November 2016 - 8:39pm
Venerdì 11 Novembre al Teatro Ruskaja incontro con Shahar Binyamini e performance conclusiva della residenza creativa tenuta da Martina La Ragione

Riportiamo qui di seguito il comunicato pubblicato stamattina sul sito web dell’AND:

Due grandi eventi all’AND: un incontro con Shahar Beniamini della Batsheva Dance Company e l’ultimo appuntamento di Resid’AND con Martina La Ragione

L’Accademia Nazionale di Danza, attualmente guidata dal Commissario Giulio Vespertini,  ospita venerdì 11 novembre due grandi eventi. Alle 15 un incontro con Shahar Beniamini  performer e coreografo israeliano della Batsheva Dance Company. E alle 19,30,  l’ultimo appuntamento 2016 del progetto Resid’AND con la coreografa Martina La Ragione.

Teatro Ruskaja ore 15

Shahar Beniamini incontrerà gli studenti e i docenti della scuola di Contemporaneo e di Coreografia, ma l’incontro è aperto anche al pubblico. Dopo essere uscito nel 2013 dalla Batsheva Dance Company, tra le più note compagnie israeliane nel mondo, Beniamini è diventato direttore artistico della compagnia Dancer Creat ed oggi lavora in maniera indipendente avendo già al suo attivo produzioni per le compagnie Frontier Dancland di Singapore e per la svedese  D.I.N., nonché installazioni in musei e gallerie in Israele. Inoltre dirige il Gaga Intensive a Tel Aviv,  è assistente di Ohad  Naharin e si dedica a workshop di livello internazionale.

Infine dal 2013 insieme al professor Atan Groos del Weizman Institute di Israele, ha formato un gruppo di ricerca composto da danzatori e studiosi che indaga sulle connessioni tra scienza e movimento.

Teatro Ruskaja ore 19,30

Ultimo appuntamento del progetto Resid’And 2016 che si conclude con la coreografa Martina La Ragione. Un progetto nato con lo scopo di far dialogare l’AND, unica scuola italiana di Alta Formazione, con la danza indipendente, selezionando alcune tra le proposte più interessanti del panorama della danza contemporanea nazionale e internazionale. Un progetto che proseguirà per i prossimi due anni accademici 2016/2017 e 2017/2018 (una commissione è già al lavoro per scegliere i prossimi coreografi).

Martina La Ragione presenterà MODO Studio di follie quotidiane e non, una sua coreografia che vedrà in scena gli allievi del Triennio contemporaneo sez. B. Una performance che nasce dalla necessità di trovare un vocabolario che si avvicini il più possibile ad un mondo interno fortemente segnato da gesti e dalla voglia di comunicare un qualcosa di urgente. Un argomento di grande attualità che verrà dibattuto al termine dell’esibizione. Seconda coreografia TRAIN firmata da Simona Migliore e ambientata in un vagone di un treno, uno spazio fisico e mentale che diviene luogo nel momento in cui si conduce in esso la vita. E I CAN NOT SIT SADLY BY YOUR SIDE di Jiang Churui ispirata ad una poesia di Alda Merini.

Roma, 4 novembre 2016

Teatro Ruskaja – Accademia Nazionale di Danza – Largo Arrigo VII, 5 – Roma 
Venerdì 11 Novembre 2016 – ingresso libero

  • Ore 15: incontro con Shahar Binyamini
  • Ore 19,30: performance conclusiva Resid’AND con Martina la Ragione

Categories: Dance

Immagini da “Il Corpo nel Suono 2016”

8 November 2016 - 3:40pm
Una prima serie di foto del convegno all’Accademia Nazionale di Danza 

Foto di Andrea Toschi – © Il Teatro della Memoria

Dal 28 Ottobre al 1 Novembre 2016 si è svolta a Roma la seconda edizione del convegno internazionale “Il Corpo nel Suono” – realizzato dall’Accademia Nazionale di Danza e curato da Cristiano Grifone – focalizzato sul ruolo del musicista nella danza. Nelle varie giornate i convegnisti giunti da tutto il mondo hanno partecipato a laboratori, lezioni, tavole rotonde e performance con: Marco Ariano (Italia), Erin Brannigan (Australia), Luis M. Carmona Barrio (Spagna), Massimo Carrano (Italia), Laurent Choukroun (Francia), Vinico Colella (Italia), Paolo Demitry (Italia), Federico Di Maio (Italia), Philip Feeney (Gran Bretagna), Alain Franco (Belgio), Kim Helweg (Danimarca), Suzanne Knosp (USA), Karen McIver (Gran Bretagna), Marco Melia (Italia) Ivan Mijačević (Slovenia), Mounir Saeed (Egitto), Antonio Sorgi (Italia), Keith Terry (USA). Hanno collaborato alla realizzazione del progetto: i professori  Stefania Brugnolini, Cristina Caponera, Valeria Diana, Silvia Obino, Tania Pallabazzer, Dino Verga; gli allievi di SSML “San Domenico”, SSML “Gregorio VII”, Accademia di Cinema e Televisione “Griffith”. 

Il comunicato stampa ufficiale è disponibile a questo link. Presto su questo blog altre foto.


Categories: Dance